Una pigna a Sanremo 2016 – La prima puntata non si scorda mai

Prima di tutto devo dirvi una cosa: è scomparso. Non lo troviamo da nessuna parte.

Stasera è incominciato il Festival di Sanremo. Io avevo addirittura messo un allarme sull’iPhone per ricordarmelo, visto che avevo paura di morire collassata a letto dopo una giornata infinita come quella di oggi. Ma dimenticarsene sembrava impossibile, visti gli spot e gli hashtag che ci hanno fatto capitombolare all’Ariston come Povia nel 2006, e quindi ce l’abbiamo fatta. La prima serata non si scorda mai, dicono, ed è da qui che incominciamo a cacciare due balle come facciamo sempre, più o meno da quando eravamo piccoli così.

Quest’anno, come l’anno scorso (sul mare col pattino), conduce Carlo Conti. Che si è preso come dama di compagnia Gabriel Garko, senza un apparente motivo. Visibilmente paffuto nelle guance come sempre – le battute sulla sua faccia rifatta sono più vecchie di quelle sul colore di Carlo Conti – ma che nella versione impiegato con gli occhialini quasi quasi non ci dispiace. Se non fosse per una certa somiglianza…

Read More

OCIO AGLI OSCAR 2016 – Marte, la crisi economica, le visioni e tanti uomini soli

Com’è che si dice? “Non sei Mandrake”. Nè Sant’Antonio. Non puoi essere in due posti contemporaneamente, non puoi fare troppe cose contemporaneamente. Che ingiustizia.

Questa seconda tornata di Ocio agli Oscar non esce dalla mia penna.
Mi è sempre piaciuta l’idea di ospitare altre voci e altre idee – proprio io, poi, che vorrei passare la vita a riordinare le parole degli altri… Io ho continuato a dire, per anni, lasciatevi contagiare dalla febbre da oscar, non lasciatemi da soli, ed effettivamente non mi avete lasciato sola.
Da tre settimane  infatti la mia amica B e il suo fidanzato (che d’ora in avanti chiameremo L’avvocato) si sono trovati, ogni martedì, per guardare un film tra i candidati. Hanno inaugurato i Marte-dì-oscar, visti i viaggi interplanetari che si sono fatti per me con Matt Damon. Fortunelli.

Lei è più dura di me nei giudizi (o forse questa puntata è stata particolarmente sfigata, visti i risultati).
Io non c’entro, vostro onore, ho solo trascritto in bella copia.

Read More

OCIO AGLI OSCAR 2016 – Ho sognato un orso che navigava con un iMac

L’importante, in vista degli Oscar, è iniziare.

Potevamo, nel 2016, evitare di buttarci nella folle impresa di diventare critici cinematografici? (Risate registrate in sottofondo). Che domande. Certo che no.

Le candidature sono uscite da tempo ma io sono riuscita solo nelle ultime settimane a mettermi sotto e farmi un’idea di come andrà quest’anno.
Forse (leggi: sicuramente), visto che sono diventata grande e mi ritaglio poche briciole di tempo libero per fare quello che mi piace, non ho più la sicurezza di riuscire a vederli tutti. Nè ho la sicurezza di riuscire a fare after durante la notte degli Oscar e di sentire con le mie orecchie il discorso di Leonardo mentre stringerà fra le mani quella statuetta tanto sognata e desiderata. Pianti, lacrime, sguardi verso il cielo e rimpianti. Ma non pensiamoci. Dopotutto, domani è un altro giorno. E Rossella ci ha insegnato ben altro rispetto al disperarsi per una cerimonia mancata. Sigh.

Vale sempre la regola degli anni scorsi: i primi film li ho guardati pescandoli un po’ a casaccio dalla lista (non me ne ispira mezzo, sono una così brutta persona?) ma i prossimi titoli li decidiamo già da ora. Così, fra uno sfottò verso il Festival di Sanremo e l’altro, avremo qualcosa di cui parlare.

Read More

Netflix for dummies: i pro e i contro

Rullo di tamburi: ho fatto un account Netflix.
È  il 5 di novembre, quindi sono ancora nel pieno della prova gratuita, ma mi piace questa cosa di dispensare consigli manco fossi l’oracolo di Delfi.

Piper e Red in Vittorio Emanuele (chi è l'altra? Victoria Silvstedt?) [sorrisi.com]
Piper e Red a Milano per il lancio di Netflix (chi è l’altra, Victoria Silvstedt?) [sorrisi.com]

È ormai assodato che gli italiani si sentano davvero fighi quando un prodotto prettamente americano sbarca da noi. La settimana prima stare sotto al piumone a guardarsi telefilm in streaming era roba da sfigati, adesso è tutta un’altra storia. Su Facebook ci sono stati più tag “tizio sta guardando la tal cosa su Netflix” che “tizio si trova qui: Expo Milano 2015”. E ho detto tutto.

Read More