I menù di Benedetta.

Ho una domanda.
Avete presente, no, il programma di Benedetta Parodi. Lei cucina, e mette il dito nelle torte, stende la pasta frolla pronta, prepara biscotti.. A me piace, perché mi trasmette l’idea che se ci arriva lei, alla fine della ricetta, posso tentare di concluderla anche io senza farmi sequestrare la cucina dai Nas.
Ma non volevo dire questo.

Lei cucina, dicevo, ogni giorno su La7 alle sei di sera e in replica da mezzogiorno e mezza in avanti. Quest’anno ha il pubblico, e capita che di tanto in tanto le telecamere indugino sulle facce. E sono mesi che vedo sempre la stessa gente: una signora coi capelli bianchi sparati in aria e un uomo anziano. Benedetta li chiama anche per nome: Agnese e Red.
Prendono il microfono e intervengono sempre. “Benedetta ci hai messo il sale?”, “Benedetta posso mettere un altro formato di pasta?”, “Benedetta a che temperatura la cuoci?”, “Benedetta come si chiamano quelle pere?”.

Ormai guardare la tv e intanto cucinare il pranzo, come faccio di solito ultimamente, è un supplizio.
Vi prego, ditemi: ma chi sono? Personaggi della tv del passato, parenti della Parodi, vicini di casa, genitori del regista, chi?! Datemi le generalità di questi signori che voglio andare a farci due chiacchiere. Li vado a trovare a casa, nel loro salotto. E poi ce li chiudo dentro.